1. Blog
  2. Carriera
  3. Come cercare (e trovare!) lavoro in Spagna
Scritto da Maria Russo (alias)Maria Russo (alias)

Come cercare (e trovare!) lavoro in Spagna

15 min. di lettura
Come cercare (e trovare!) lavoro in Spagna
Cercare lavoro in Spagna non è così impossibile, basta prima capire come funziona il mercato del lavoro e intanto imparare la lingua. Attenzione però a cercare il lavoro giusto: in Spagna la disoccupazione è ancora un problema!

Come cercare (e trovare!) lavoro in Spagna

Il clima mite, i colori caldi, la musica che svetta sempre nelle classifiche globali e una lingua (lo spagnolo) che è la quarta più parlata al mondo. E poi c’è l’allegria di un popolo che ha sposato quell’idea di vita lenta, che oggi cerchiamo tanto nel caos delle nostre città sempre in movimento, e nello stress di un lavoro d’ufficio logorante. 

Benvenuti in Spagna: il Paese che molti italiani sognano di raggiungere, vuoi perché c’è la vicinanza all’Italia (si parla di un paio di ore di volo), o vuoi perché non sembra così impossibile imparare lo spagnolo e comunicare con i locali. Vuoi perché, non da ultimo, in Spagna da molto tempo c’è l’attenzione ai diritti di tutti (per esempio: della comunità LGBTQ+); e diciamolo: questa è una cosa che non si trova proprio ovunque. 

Forse sarà capitato anche a te di avere un conoscente che ha fatto i bagagli ed è andato a lavorare a Madrid, o Barcellona; o magari a passare la vita alle Canarie. Ma è tutto oro quello che luccica? Ahinoi, no. O almeno: non per quanto riguarda il mercato del lavoro. Perché per quanto oggi la Spagna veda il numero dei disoccupati ai minimi da 15 anni, il tasso di disoccupazione rimane alto (intorno all’11,6%) rispetto alla media dei 27 Paesi dell’UE (5,6%). 

Però non farti spaventare da questi dati: se sai dove guardare, in Spagna si può cercare (e trovare!) lavoro. 

Il costo della vita

Al di là della qualità della vita (con alcune città come Barcellona che affacciano sul mare), uno degli aspetti che maggiormente invoglia gli italiani a trasferirsi in Spagna, è il costo della vita. In Spagna, infatti, si spende meno che in Italia, e in (quasi) tutti i campi: dai trasporti, alla spesa, fino alla cena in un ristorante. Il costo dell’affitto è l’unico elemento che non si discosta molto dalla media italiana.  

Affitti

Per parlare degli affitti, bisogna considerare che c’è una differenza tra la parte settentrionale e quella meridionale del Paese. Le città più care sono Vitoria, San Sebastián, Barcellona, Madrid, Bilbao e Marbella; mentre le più vantaggiose sono Cadice, Siviglia, Salamanca, Albacete, Badajoz, Huelva.

Parlando di cifre, per capirci meglio possiamo prendere d’esempio una delle città più care: Barcellona. Qui l’affitto di un monolocale in centro viene circa 1.168,09 €; a Milano il costo si aggira intorno ai 1.410,89 €. Se si considera invece un trilocale, a Barcellona (sempre rispetto a Milano) si risparmia qualcosa come il 31,6%. Occhio a Madrid: l’affitto è del 9% più caro di Barcellona!

In ogni caso, vivere in centro a Madrid o Barcellona, non è mai come prendere in affitto un appartamento in centro a Siviglia: lì il canone mensile si aggira attorno ai 712,50 €. E il portafoglio ringrazia.

Il costo delle tapas e di una serata in discoteca?

Qualunque sia il costo che dovrai sostenere per l’affitto, non preoccuparti: potrai sempre risparmiare andando a fare la spesa o a cena fuori… prima di andare a ballare. In città come Madrid, Barcellona e Valencia, un pranzo alla carta va da meno di 10 € (a Valencia), fino a un massimo circa di 25 € (a Barcellona). Se parti da solo, la spesa ti costerà circa 30 € a settimana; andare a ballare o a teatro, tra i 10 € e i 20 €. 

In linea di massima, quindi, in queste tre città il costo della vita andrà da un minimo di 700 € a un massimo di 1.300 € (a seconda ovviamente dello stile di vita e delle abitudini). E pensa che stiamo parlando di tre città tra le più care.   

Sanità 

Simile a quella italiana, la sanità pubblica spagnola prevede l’assistenza gratuita a chi vive e lavora in Spagna, sebbene sussistano delle leggere differenze a seconda della comunità di riferimento (il sistema è infatti decentralizzato). Attenzione però: per poter ottenere il tuo numero di previdenza sociale (Número de afiliación a la Seguridad Social) e quindi poter richiedere la tua tarjeta sanitaria, dovrai prima prendere appuntamento con un ufficio della Tesorería General de la Seguridad Social

Nota bene: chi non è coperto da un’assicurazione statale o dalla TEAM (Tessera Europea di Assicurazione Malattia), dovrà necessariamente stipulare un’assicurazione privata, con costi che variano tra i 50 € e i 200 € mensili, a seconda del piano di copertura scelto. 

Il mercato del lavoro

Come si diceva all’inizio, quando si parla del mercato del lavoro spagnolo, non si può che prendere atto di un paradosso: nonostante il tasso di disoccupazione nel Paese sia il più basso registrato negli ultimi 15 anni, esso continua ad attestarsi tra i più alti in Europa

C’è da evidenziare, però, un elemento positivo: lo scorso 3 gennaio è stata firmata una riforma complessiva del lavoro, che sta portando già effetti positivi. Come, per esempio, il ripristino di una certa equiparazione salariale tra i territori, la lotta al subappalto che porta a impieghi mal retribuiti, l’eliminazione del contratto “per opera e servizio” (che era a tempo determinato e copriva i licenziamenti) e l’estensione della cassaintegrazione.  

Il contratto di lavoro

Al momento, la legislazione spagnola prevede essenzialmente quattro tipologie di contratto:

  • Contratto a tempo indeterminato: non viene definito un limite temporale nel rapporto tra il dipendente e datore di lavoro, e può essere a tempo pieno, a tempo parziale o a lavoro intermittente. È previsto un periodo di prova di massimo 1 anno nel caso di aziende con meno di 50 dipendenti; negli altri casi, esso non può essere superiore a 6 mesi per i tecnici qualificati, e a 2 mesi per tutti gli altri.
  • Contratto a tempo determinato: deve essere formalizzato per iscritto e prevede che ci sia un limite temporale. Sono contratti a tempo determinato il contratto d’opera (con la realizzazione di un servizio svolto in autonomia all’interno di un’azienda), il contratto a termine per circostanze della produzione (esempio: nel caso ci sia necessità di un lavoratore a fronte di un eccesso di ordini di vendita), e il contratto ad interim (con sostituzione di un dipendente che ha diritto alla conservazione del posto di lavoro).
  • Contratto di tirocinio e apprendistato: con questo tipo di contratto si aiuta l’inserimento dei giovani nel mercato del lavoro, e si prevede una retribuzione; oltre che un certificato d’idoneità al lavoro in fase finale.
  • Contratto di praticantato: con durata minima di 6 mesi e massima di 2 anni, questo tipo di contratto prevede un salario al 60% (primo anno di contratto), e al 75% (secondo anno di contratto) del salario stabilito dal Contratto Collettivo per un lavoratore che occupi lo stesso posto di lavoro.

L’indennità di disoccupazione

Non succede, ma se succede… stai tranquillo: anche in Spagna puoi avere diritto a un’indennità di disoccupazione. Se hai lavorato per almeno 6 mesi, puoi ricevere il cosiddetto subsidio de desempleo, grazie al quale ti verrà riconosciuta una quota dal giorno in cui presenti la domanda (ossia: entro 15 giorni dal licenziamento), fino a 6 mesi dopo. 

Se invece hai lavorato per almeno 1 anno (nei 6 che precedono il licenziamento), avrai diritto al paro: ovvero a un sussidio di disoccupazione vero e proprio. Esso corrisponde al 70% di una base che si può calcolare, e a cui si deve sottrarre la quota IRPEF (il 4,7% della base del paro).  

Il salario minimo e le ore lavorative

Nel 2023 il governo spagnolo ha fissato il salario minimo interprofessionale (Smi) a 1.080 € mensili, per 14 mensilità. Di fatto, aumentandolo dell’8% (ossia 80 €) rispetto al 2022. 

Per quanto riguarda le ore lavorative, preparati invece a una ventata di novità: a partire dal 2024 l’orario verrà portato per legge a 38,5 ore settimanali. Tuttavia, rimarranno le contrattazioni collettive a modularne l’applicazione nei vari settori. 

Come trovare lavoro in Spagna

Tre mesi: questo è il tempo che hai a disposizione per cercare lavoro in Spagna, presentando solo il tuo passaporto o la carta d’identità. Se invece il soggiorno supera i tre mesi, dovrai recarti all’Ufficio Immigrazione del Comune dove risiederai, e chiedere l’iscrizione al Registro Centrale degli Stranieri. 

Le agenzie per il lavoro

Per cercare lavoro, un primo step può essere quello di recarti nelle agenzie specializzate nella ricerca del lavoro: le puoi trovare sia in Italia, sia in Spagna. 

In particolare, se ti trovi in Spagna può essere una buona idea prendere un appuntamento in uno dei Centri per l’impiego spagnoli, i SEPE (Servicio Público de Empleo Estatal) che offrono un aiuto concreto e gratuito. Se, invece, sei disposto a spendere qualche soldo, puoi sempre affidarti alle Agencias de Colocaciòn.

Le ricerche su internet

Se sei impossibilitato a muoverti o, semplicemente, preferisci consultare prima internet, tieni in considerazione che ci sono dei siti costantemente aggiornati sul mercato del lavoro spagnolo. Come per esempio l’Eures (European Employment Services - Servizi Europei per l’Impiego), o il sito del Ministerio de Trabajo Y Economìa Social, dove oltretutto si possono reperire preziose informazioni sul mercato del lavoro spagnolo. 

Altrettanto validi sono il sito della Camera di Commercio di Spagna in Italia e quello della Cámara Oficial de Comercio e Industria; ma, se vuoi consiglio, tieni d’occhio anche i siti delle aziende per le quali vuoi candidarti: spesso gli annunci sono pubblicati proprio lì.

E i liberi professionisti?

Libero professionista? Considera che in Spagna puoi avviare la tua attività a patto che tu risieda stabilmente sul territorio. Inoltre, dovrai sottoscrivere una serie di documenti, come il NIE (Numero de Identificaciòn de Extranjero, ci torniamo) e il numero di previdenza sociale. 

Dopodiché, se vuoi aprire una società, dovrai registrare il nome della tua azienda presso il Registro Mercantile (Registro Mercantil Central - RMC), che ti farà ottenere un CIF (Código de Identificación Fiscal) dalle autorità federali presso l'Agencia Estatal de la Administration Tributaria.

Se, invece, sei un lavoratore autonomo con partita IVA, dovrai registrarti presso l’autorità spagnola compilando il modulo 037, per poi iscriverti al registro di previdenza sociale spagnolo per lavoratori autonomi. 

I lavori più richiesti e quelli più retribuiti

Ora che abbiamo un quadro più chiaro delle condizioni di vita e di lavoro, veniamo al dunque. Ovvero: vediamo quali sono i lavori più retribuiti e quelli più richiesti. 

I lavori più richiesti

Amministratori aziendali, responsabili IT, programmatori e ingegneri di qualsiasi settore: in Spagna siete i benvenuti. Tra i lavori più richiesti ci sono infatti quelli altamente specializzati: tra tutti, di maggiore interesse sono quelli legati alla sanità, con infermieri, medici e direttori sanitari in pole position. 

Inoltre, come ben saprai, in Spagna anche il turismo è un elemento importante, che incide nelle richieste di lavoratori: avanti quindi ai cuochi, camerieri, agenti di viaggio, animatori turistici e chi più ne ha, più ne metta. E che siano per contratti stagionali…o no.   

I lavori più retribuiti

Tra i lavori più retribuiti in Spagna non ci sono solo quelli di maggiore responsabilità o esperienza, come l’Amministratore Delegato (CEO), il Manager nel campo della finanza, il Business Unit Manager in ambito della salute, o il Direttore Finanziario di una grande compagnia assicurativa. 

Ottimi stipendi si possono vedere anche nei cedolini spagnoli degli esperti nei settori della matematica e dell’informazione (come, per esempio, i data scientist), e in quelli dei Chief Marketing Officer (specializzati nella pubblicità delle grandi aziende). 

I documenti e i requisiti necessari

Hai finalmente deciso di provare a cercare (e trovare!) lavoro in Spagna? Bene! È il caso allora di parlare dei documenti che dovrai compilare al tuo arrivo, e dei requisiti principali per avere maggior successo: il tuo curriculum e le competenze linguistiche.

I documenti necessari per lavorare in Spagna

Sono trascorsi 90 giorni in Spagna, ma hai bisogno di più tempo? È tempo di recarsi presso l’Oficina de Extranjero (Delegación del Gobierno) per richiedere il Numero de Identificación de Extranjero (NIE): un documento che si può chiedere anche in Italia, presso il Consolato Spagnolo. 

Fatto ciò, lo step successivo sarà l’acquisizione del Documento de Empadronamiento, che attesta la tua iscrizione all’anagrafe spagnola e che viene rilasciato dal Padròn Municipal del barrio in cui hai stabilito la tua residenza. 

Ultimo, ma non per importanza: il numero della Seguridad Social, molto simile al nostro INPS, e che a fronte di un contratto di lavoro o di stage sarà richiesto all’ente preposto direttamente dal tuo datore di lavoro.

Il curriculum

Prima regola per candidarsi in Spagna con un curriculum che non passi inosservato: non usare il CV Europass (cerchi un po’ d’ispirazione? Guarda i nostri  modelli di CV!). Seconda regola: sì alla sintesi, e sì pure all’aggiunta di una tua foto (cosa che in altri Paesi non è ben vista per questioni di privacy e bias, ma che in Spagna è considerata positiva). Terza regola: fai in modo che il tuo curriculum sia scritto in spagnolo! Ma se non conosci ancora bene la lingua, occhio a non cimentarti in traduzioni fai-da-te: di fronte a storpiature ed errori grammaticali, il rischio che il tuo curriculum venga cestinato aumenta considerevolmente.  

Le competenze linguistiche

Se ti è capitato di viaggiare in Spagna, avrai notato che l’inglese non viene molto parlato, a meno che tu non voglia candidarti per un ruolo più tecnico o in un ambiente internazionale. Fondamentale quindi imparare la lingua locale, che sia il castigliano (lo spagnolo), o il catalano (lingua co-ufficiale in Catalogna): solo in questo modo avrai più possibilità di integrarti e di ottenere il lavoro che desideri…oltre che di vivere appieno la tua esperienza in uno dei Paesi più belli al mondo!

Vuoi un curriculum che non passi inosservato?
Vuoi un curriculum che non passi inosservato?
Affidati ai nostri modelli gratuiti, compilabili online, e crea un curriculum d'impatto in pochi minuti. Potrai scegliere tra svariati modelli creativi, moderni, professionali e semplici.
Sfoglia i modelli
Vuoi un curriculum che non passi inosservato?
Vuoi un curriculum che non passi inosservato?
Affidati ai nostri modelli gratuiti, compilabili online, e crea un curriculum d'impatto in pochi minuti. Potrai scegliere tra svariati modelli creativi, moderni, professionali e semplici.
Sfoglia i modelli
Condividi questo articolo
Continua a leggere
Carriera17 min. di lettura
Come cercare (e trovare!) lavoro in Svizzera
Come cercare (e trovare!) lavoro in Svizzera
Curriculum6 min. di lettura
Perché è importante inserire il numero di telefono sul curriculum
Perché è importante inserire il numero di telefono sul curriculum
Colloquio di lavoro10 min. di lettura
Rifiutare un'offerta di lavoro (senza tagliare i ponti!)
Rifiutare un'offerta di lavoro (senza tagliare i ponti!)
Lettera di presentazione6 min. di lettura
Ricerca: come differiscono le lettere di presentazione da Paese a Paese?
Ricerca: come differiscono le lettere di presentazione da Paese a Paese?
Visualizza tutti
Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente ed eseguire attività di analisi e marketing. Utilizzando il nostro sito web, acconsenti all' utilizzo di tutti i cookie in conformità con la nostra Informativa sui cookie e Informativa sulla privacy.
Accetta cookie