1. Blog
  2. Lettera di presentazione
  3. A chi di competenza: meglio evitarlo
Scritto da Karl KahlerKarl Kahler

A chi di competenza: meglio evitarlo

7 min. di lettura
A chi di competenza: meglio evitarlo
Materiale grafico di:Alexandra Shevchenko
A chi di competenza" è una formula di apertura ormai obsoleta utilizzata in una lettera quando non si conosce il nome della persona a cui ci si sta rivolgendo. Ti stai candidando per un lavoro? Benissimo, non partire con il piede sbagliato utilizzando questa formula nella tua lettera di presentazione: di seguito trovi alcune alternative.

"A chi di competenza": cosa significa?

"A chi di competenza" è un modo ormai datato di indirizzare una lettera a un destinatario generico quando non si è a conoscenza del nome (né del genere) della persona che riceverà la lettera. Questa formula – spesso alternata a formule equivalenti tra cui "a chi di dovere" o "a chi di interesse" – implica che la lettera sia indirizzata a una o più persone interessate al suo contenuto e autorizzate ad agire di conseguenza. 

Ma andiamo dritti al punto. La domanda che dovresti porti è: cosa posso utilizzare al posto di questa formula di apertura ormai stantia?

Quando questa frase fu coniata per la prima volta, sicuramente si rivelò un'ottima soluzione al problema: come indirizzare una lettera a un destinatario ignoto? Tuttavia, con il passare degli anni, è diventata una vittima del suo stesso successo, tanto diffusa da sembrare un residuo di un altro secolo. Inoltre, utilizzandola si rischia di dare l'impressione di non essersi impegnati affatto a trovare il nome del giusto destinatario né a personalizzare la lettera per la candidatura in questione (della serie "copia, incolla e invia a tutti").

Quindi, quali altre formule di apertura si possono utilizzare? Diamo un'occhiata ad alcune alternative.

Cerca il nome del responsabile da contattare

Il modo migliore per iniziare una lettera di presentazione è indirizzarla al giusto referente: il responsabile del processo di assunzione o il recruiter che si occupa di analizzare le candidature per la posizione in questione. 

Che alle persone piaccia leggere il proprio nome è scientificamente provato, e questo vale anche quando ricevono una lettera da un estraneo. Il fatto che tu ti sia preso la briga di trovare il nome della persona a cui rivolgerti dimostra il tuo interesse e la tua attenzione ai dettagli. Inoltre, è più probabile che una lettera inviata a una persona specifica riceva risposta rispetto a una lettera indirizzata all'intera azienda o a un dipartimento.

A volte il nome della persona che si occupa delle assunzioni è specificato all'interno dell'annuncio di lavoro, ma spesso non è così. Dai un'occhiata al sito web dell'azienda, concentrandoti sulla sezione dedicata alle posizioni aperte e sulla pagina "Chi siamo", dove a volte viene pubblicato l'organigramma aziendale.

Se non riesci a trovare il nome della persona a cui indirizzare la tua lettera nemmeno lì, prova a dare una sbirciatina su LinkedIn (sulla pagina aziendale o, in caso, chiedendo a qualcuno che ci lavora). 

Ancora niente? Ti resta sempre un'opzione: chiama e chiedi! Di' alla persona che ti risponde che ti stai candidando per un lavoro, specifica di che posizione si tratta e chiedi il nome (come si scrive e, in caso, il genere) della persona che si occupa di esaminare le candidature.

Una volta ottenuto un nome, apri la lettera con una delle seguenti formule, evitando così "A chi di competenza":

  • Gentile Sig. [Cognome],
  • Gentile Sig.ra [Cognome],
  • Gentile Dott. [Cognome],
  • Gentile Dott.ssa [Cognome],
  • Gentile Avv./ Ing./ Arch./ Rag. (etc.) [Cognome],
  • Gentile [Cognome], (soluzione gender neutral preferita da persone con identità di genere non binarie)

Alcune aziende, per svariati motivi, preferiscono non comunicare i nomi dei responsabili delle assunzioni: per una questione di privacy, perché potrebbero avere diversi responsabili o perché preferiscono inoltrare tutte le candidature al dipartimento Risorse Umane. In questo caso dovrai trovare un'altra soluzione, che ti illustreremo di seguito.

A chi indirizzare la lettera di presentazione quando non si trova un destinatario specifico

Se non riesci a trovare il nome della persona che si occupa delle assunzioni per la posizione in questione, esistono diverse alternative preferibili a "A chi di competenza". 

Supponiamo che tu stia facendo domanda per una posizione presso un'azienda chiamata Acme. Nel caso di un'azienda di piccole dimensioni, puoi indirizzare la tua lettera all'intera azienda: "Al team di Acme", "Gentile team di Acme". Se, invece, si tratta di un'azienda di medio-grandi dimensioni, indirizza la tua lettera al reparto in cui vorresti lavorare o al reparto HR: "Alla c.a. del dipartimento IT di Acme", "All'attenzione del dipartimento Risorse Umane di Acme". 

Nella scelta della formula di apertura più appropriata, ricordati che gioca un ruolo importante il tono adottato dall'azienda nel rivolgersi al suo pubblico (sul suo sito web e sui profili social). Se noti un approccio piuttosto informale, puoi giocarti quest'informalità a tuo favore aprendo la lettera con una formula più diretta. 

Alternative a "A chi di competenza"

  • Al team di Acme,
  • Alla c.a. del dipartimento XXX di Acme,
  • All'attenzione del dipartimento Risorse Umane /del dipartimento HR di Acme,
  • All'attenzione del responsabile HR /del responsabile delle Risorse Umane,
  • Gentile team di Acme,
  • Gentili responsabili delle assunzioni,
  • Alla c.a. del team assunzioni,

Infine, puoi decidere di evitare del tutto la formula di saluto e strutturare la tua lettera come un promemoria aziendale, con un Oggetto breve ed efficace in cui definisci lo scopo della lettera per poi lanciarti subito nel paragrafo introduttivo.

Lettera di presentazione senza formula di apertura

Oggetto: Posizione aperta per Responsabile IT presso Acme

Avendo lavorato come specialista informatico nel corso degli ultimi otto anni, sarei lieto di essere preso in considerazione per la posizione di IT Manager pubblicata recentemente sul vostro sito.

Copiato!

Quando utilizzare "A chi di competenza"

La formula di saluto "A chi di competenza" – e le sue varianti "A chi di interesse" o "A chi di dovere" – è ritenuta accettabile, ad esempio, nel caso in cui un ex collega ti chieda una lettera di referenze da utilizzare per una o più candidature. Quando l'intento è quello di inviare la lettera a futuri responsabili delle assunzioni e datori di lavoro i cui nomi sono ancora sconosciuti, "A chi di competenza" è infatti la soluzione ideale. Un'altra situazione in cui questa formula di saluto è ritenuta accettabile è quando si inviano lettere di reclamo relative a beni o servizi.

Escludendo questi casi, "A chi di competenza" è ormai diventata una formula obsoleta con cui rischi persino di sembrare scortese e disinteressato, facendo sorgere nella mente di chi riceve la tua lettera domande del tipo: “Ci avrà almeno provato a cercare il nome del responsabile?” e “Quanto davvero si sarà informato sull'azienda? È davvero interessato?”

Vuoi un curriculum che non passi inosservato?
Vuoi un curriculum che non passi inosservato?
Affidati ai nostri modelli gratuiti, compilabili online, e crea un curriculum d'impatto in pochi minuti. Potrai scegliere tra svariati modelli creativi, moderni, professionali e semplici.
Sfoglia i modelli
Condividi questo articolo
Continua a leggere
Colloquio di lavoro10 min. di lettura
Rifiutare un'offerta di lavoro (senza tagliare i ponti!)
Rifiutare un'offerta di lavoro (senza tagliare i ponti!)
Curriculum12 min. di lettura
Istruzione e formazione
Istruzione e formazione
Curriculum13 min. di lettura
Competenze comunicative: come dimostrarle all'interno del CV
Competenze comunicative: come dimostrarle all'interno del CV
Curriculum9 min. di lettura
I tuoi obiettivi nel curriculum
I tuoi obiettivi nel curriculum
Visualizza tutti
Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente ed eseguire attività di analisi e marketing. Utilizzando il nostro sito web, acconsenti all' utilizzo di tutti i cookie in conformità con la nostra Informativa sui cookie e Informativa sulla privacy.
Accetta cookie